FHM-ITALIA: RECUPERO DEI BAMBINI SOLDATO

NOME ASSOCIAZIONE: FHM-ITALIA
INDIRIZZO: VIA BONMOSCHETTO, 2
CITTA’: 18038 SANREMO (IM) TEL/FAX: 347-6878301 320-1710271
REFERENTE: DR. ROBERTO RAVERA E-MAIL: r.ravera@asl1.liguria.it robertoravera@fastwebnet.it
PAESI DI INTERVENTO: SIERRA LEONE (West Africa)
PROGETTO: RECUPERO DEI BAMBINI SOLDATO
Il progetto è attivo dal dopoguerra in Sierra Leone ed è iniziato con il recupero dei bambini soldato che hanno combattuto
nelle file del Revolutionary United Front (RUF) e nelle altre fazioni da parte di Padre Bepi Berton, fondatore del Family Homes
Movement. E’ stato istituito un Centro di Accoglienza per child soldier a Lakka, a ovest della penisola di Freetown dove sono
passati oltre 3000 bambini soldato e molti di loro sono stati seguiti e sono tutt’ora in carico in un progetto di Salute Mentale
diretto dal Dr. Roberto Ravera, primario della ASL1 Imperiese e dai suoi collaboratori e con operatori locali dell’FHM. Da diversi
anni è in corso un progetto di ricerca sugli effetti neurofisiologici del trauma in cui sono coinvolti ex bambini soldato e detenuti
del carcere minorile. Da allora sono stati attivati diversi progetti che ci vedranno impegnati nei prossimi anni e con un
investimento di centinaia di migliaia di euro:
– Attualmente la comunità di Lakka (St. Michael) accoglie bambini e ragazzi di strada. Inoltre è attivo un ambulatorio
medico nel quartiere di Majenkine di Freetown, in cui si sono riversati molti profughi della guerra. – Da due anni
abbiamo un progetto di gestione del carcere minorile di Freetown (Approved School) che prevede l’attivazione di
programmi di sostegno psicosociale, inserimento scolastico e lavorativo, assistenza legale, attività ricreazionali e
sportive e fornitura di alimenti e medicinali.
– In base ad un accordo con il Ministero della Sanità della Sierra Leone, stiamo progettando la costruzione di un
ospedale pediatrico (Health Primary Care) sempre nell’area di Majenkine e un ambulatorio nello slum di Kroobè.
– La nostra associazione finanzia i progetti solo con personale locale e fornisce la supervisione tecnica; abbiamo a
stipendio una dozzina di operatori sanitari e sociali della Sierra Leone.
– Dal 2009 ci occupiamo di formazione degli studenti del Milton Margai College, in particolare per quanto riguarda le
professioni sanitarie e sociali.
– Inoltre stiamo studiando un progetto di alfabetizzazione nel carcere di Pademba.
La nostra peculiarità è quella di muoverci in accordo con il FHM Sierra Leone, a cui il FHM Italia si è gemellata, per la
valutazione dei bisogni e la progettazione delle iniziative e l’acquisto degli immobili e delle attrezzature. I nostri finanziamenti
provengono tutti da donatori privati e da conferenze di presentazione delle nostre attività. Il nostro obiettivo è di collaborare e
stabilire un forte dialogo con tutte le realtà locali (Ministero, Diocesi, associazioni, etc.).