UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, DIPARTIMENTO DI SCIENZE ANIMALI: DIFESA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ IN NIGER

NOME ASSOCIAZIONE: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, DIPARTIMENTO DI SCIENZE ANIMALI
INDIRIZZO: VIA CELORIA, 10
CITTA’: MILANO TEL/FAX: 02 50318040/30
REFERENTE: SILVANA MATTIELLO E-MAIL: Silvana.Mattiello@unimi.it
PAESI DI INTERVENTO: NIGER
PROGETTO: DIFESA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ IN NIGER ATTRAVERSO PROGRAMMI DI
EDUCAZIONE AMBIENTALE E STRATEGIE OPERATIVE
OBIETTIVO GENERALE: Salvaguardia della biodiversità degli ecosistemi naturali terrestri attraverso azioni legate
alla loro conservazione e tutela.
OBIETTIVO SPECIFICO: Valorizzazione della biodiversità nella zona di transizione della Riserva della Biosfera del
Parco W, attraverso il rafforzamento delle capacità degli attori coinvolti nella salvaguardia della biodiversità e
messa a punto di strategie operative di gestione delle risorse naturali.
INIZIO PROGETTO: Aprile 2011 – Termine progetto: Ottobre 2012.
PARTENARIATI: ONG Terre Solidali e Africa 70, Direzione dei Parchi del Niger.
RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI: Cooperazione Italiana, Ministère de l’Hydraulique et de l’Environnement du
Niger.
BENEFICIARI: Guardie del Parco, Comunità locali in età scolare, Allevatori.
FINANZIAMENTO: Comune di Milano, Bando “Milano per la difesa, incremento e valorizzazione della biodiversità
– Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale – Anno 2009”.
Attività:
1.1 – Monitoraggio delle interazioni spaziali tra domestici e selvatici nelle aree all’interno e alla periferia del
Parco W;
1.2 – Analisi delle interazioni sanitarie tra domestici e selvatici;
1.3 – Realizzazione di un diagnostico per l’appoggio all’allevamento e alla transumanza;
2.1 – Formazione degli allevatori in materia di sanità animale;
2.2 – Formazione delle guardie del Parco W per la corretta divulgazione di biodiversità ed

educazione ambientale;
2.3 – Produzione di materiale informativo su base cartacea e digitale;
2.4 – Contribuzione all’allestimento di un Centro Visitatori;
2.5 – Interventi formativi di educazione ambientale per la popolazione locale in età scolare.
RISULTATI ATTESI:
1 – Una base di dati sulle interazioni tra animali domestici e selvatici è costituita
2 – Gli attori coinvolti nelle attività volte alla salvaguardia della biodiversità sono sensibilizzati e formati.